Duomo di San Matteo

Tempio maestoso, di originaria costruzione romanica, poi più volte rimaneggiato e ricostruito. Colpiscono il campanile arabo-normanno, l’inusuale quadriportico che dà il benvenuto prima di entrare in chiesa, gli amboni di stile bizantino intarsiato con pietre policrome, che risaltano sul bianco del rifacimento seicentesco, che connota l’interno a tre navate, ma soprattutto la cripta barocca che conserva le spoglie di San Matteo, patrono della città. Vi è custodito inoltre il sepolcro di Papa Gregorio VII.

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest