Campi Flegrei

L’area dei Campi Flegrei è nota per il suo raro fenomeno geologico chiamato bradisismo, che significa “movimento lento” in greco antico. Fa salire o scendere la terra molto lentamente ed è particolarmente visibile sui pilastri del Macellum, l’antico mercato pubblico vicino al porto di Pozzuoli. Nei campi Flegrei sono comprese diverse zone, tra cui: Agnano, Pozzuoli, Baia, Bacoli, Cuma.

Di seguito, le cose più importanti da vedere in ogni zona:

  • Agnano: Riserva naturale degli Astroni, il cratere meglio conservato dei Campi Flegrei;
  • Pozzuoli: i resti del Tempio di Nettuno e del Ninfeo di Diana, percorso archeologico sotterraneo nel Rione TerraAnfiteatro Flavio, terzo anfiteatro romano più grande d’Italia; Solfatara di Pozzuoli, cuore dell’area vulcanica dei Campi Flegrei dove è possibile ammirare il vulcano nella sua fase di quiescenza e fenomeni naturali collegati all’emissione di zolfo;
  • Lago d’Averno con le gallerie fatte costruire in epoca romana, la Grotta della Sibilla ed il tempio di Apollo;
  • Baia: Parco Archeologico e Parco Sommerso di Baia: con una barca con fondo di vetro sarà possibile ammirare mosaici e statue dell’epoca romana; Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello Aragonese di Baia; Stufe di Nerone, Complesso termale con 20 sorgenti di acque salso-bromo-iodiche a 80°C e saune ricavate dalle grotte usate dai romani.
  • Bacoli: Piscina Mirabilis, è la più grande cisterna mai costruita dai romani. Casina Vanvitelliana sul lago Fusaro, costruita da Carlo Vanvitelli, gioiello neoclassico nella suggestiva cornice del lago, soprattutto al tramonto
  • Cuma: Parco archeologico.

Come arrivare:

Diretto da Vietri a Napoli Campi Flegrei

1 ora 43 minuti

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest